m007_review

da il mucchio selvaggio(2-8 aprile 2002)
di tutt’altro taglio la proposta del cnzs4 che in “ttlbajaaj” propone due tracce assai più sperimentali e ostiche, con basso e batteria a dettare il ritmo, la chitarra a creare melodie ed arpeggi e un vecchio synth ad arricchire e/o disturbare il tutto, mentre ciclicamente si sente, come nei miglior bootleg, il vociare del pubblico presente alle registrazioni. si perchè, ci eravamo dimenticati di segnalarlo, si tratta di un live. fra post e libera improvvisazione, un lavoro non privo di spunti validi. aurelio pasini

da aktivirus (novembre 2002)
i chuck norris zen solution ensemble oltre che ad avere il nome più assurdo che mi sia mai capitato di recensire, sono anche gli unici a presentare due uscite a brevissima distanza su marsiglia. essendo un ensemble di improvvisazione più o meno aperto non c’è da stupirsi… ecco quindi “the thin line between a joke and a joke” e “…and no one had a doubt”. il primo è un live registrato a mo’ di bootleg, con tanto di vociare del pubblico e rumori d’ambiente su cui si innestano le (psico)labili e torrenziali improvvisazioni del gruppo. per farvi un’idea di cosa producono dal vivo basterebbe il commento di uno sconosciuto spettatore: “non ho capito se per loro hanno iniziato oppure no”, tuttavia risulterebbe riduttivo in quanto l’aleatorietà dei suoni è solo uno degli ingredienti che i nostri mescolano per dare vita a sessioni ostiche e non sempre riuscite. quello che manca ai cnzse è la bellezza del momento, fondamentale nell’improvvisazione, di qualunque matrice essa sia. l.brutti



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *