sl01_review

“Hipurforderai: un nome che non vuol dire nulla, che non rimanda a nulla, che sa un po’ di mistero, che pare forse un verbo al futuro ‘tu hipurforderai, un giorno’. Fondamentalmente, il dubbio che ci prenda per il culo ci viene.
Confezione scarna al limite della spazzatura (ma dal colore dorato sul nero, in qualche modo elegante), fogliettino illustrativo a quadretti di 4×5 cm, CD-R di 30′: inaugura una nuova anagrammatica serie della gloriosa genovese Marsiglia records, la Silagrima.
Un assalto di rumore bianco gratuito mi assale quando lo butto nel lettore, rumore che pian piano si modula e scompare, per lasciare spazio, nel secondo brano, a una non meglio identificata voce di zoccola (oibò, per un disco del genere queste son le parole da usare, non siamo mica su RAI Educational) che racconta di come si è portata a letto un tizio.
Seguono un litigio tra uno stronzo reazionario ed il suo meccanico, ansiogene urla in reverse, vocette robotiche, un malato che bofonchia infantili schifezze (non immaginereste mai da dove arriva la fonte!), il tutto rigorosamente in italiano.
Una cosa è certa: di solito, mentre recensisco un CD, lo riascolto. In questo caso, non mi è possibile. O scrivo, o ascolto. La componente vocale è talmente potente, a suo modo, da rendere impossibile l’ascolto distratto. Pare che l’idea che sottende a queste tracce, di certo non poetiche ma comunque non superficiali, è quella di sbatterci in faccia alcuni aspetti della realtà, della miseria umana, della cultura, di quello che ci capita intorno, fino al punto di farci immobilizzare davanti a qualunque cosa stessimo facendo prima di infilare il dischetto nello stereo, e farci pensare ‘ma in che razza di mondo del cazzo viviamo?’
Il bello è che non credo che Daniele Guasco, l’autore di questa peggior mezz’ora della nostra vita, sia del tutto consapevole dell’enorme curiosità che suscita nell’ascoltatore il suo dischetto, né del potenziale destabilizzante di una ‘musica’ che non si può ignorare. Senza contare che il sottofondo sonoro è un insieme (ma non accozzaglia) di ritmiche sghembe, rantoli distorti e melodie elettroniche di una malinconia tale che al confronto gli Isan fanno allegria.
Strano ‘sto disco, strano. Ad un passo dall’essere un’obiettiva puttanata, si rivela invece una di quelle cose che riportano l’attenzione verso l’alto, a tratti al prezzo di un’ansia pazzesca.
L’unico paragone che mi viene in mente è quello con colui che ha sugellato il termine musica industriale, ossia quel Monte Cazazza che pochi conoscono ma che nella sua lucida follia ha segnato il destino della musica deviata. Daniele Guasco mi pare ad occhio e croce ancora più ironico e forse ci crede un po’ meno: meglio per lui, altrimenti potrebbe mettersi a collezionare foto di genitali affetti da malattie veneree, come il suo illustre predecessore. Invece credo sia ‘solo’ un divoratore di film, mp3 trovati in rete, opere teatrali e qualunque altra cosa: tutto, nelle sue mani, finisce in un frullatore di samples e questo è ciò che ne esce. Con un po’ di ossessività e ripetitività in meno la sua musica decollerà senza dubbio: intanto dategli un ascolto.” Matteo Uggeri – Sands Zine

“Il titolo suona più minaccioso di quello che sembra, un pò come il doppio senso mancato di Lubrificarsi E’ Bene (a dirlo è poi un robot), o forse il mio livello di sopportazione è oramai mitrizzato dopo anni di promo sbagliati alla persona sbagliata. In ogni modo Daniele Guasco aka Hipurforderai si diverte a mettere in loop estratti di film impossibili e spaccati di vita genovese, a volte girandoli al contrario (e quindi Il Diavolo si chiama Gastone), musicandoli in elettronica, decostruzioni di ambient e glitch, drumming vario, – direi alla fine anche ricercato nei sample, – e dove puoi pure imbatterti nella giovane Giglia che Ti racconta la sua Voglia Mondiale con uno sconosciuto come stesse parlando ai suoi amici durante l’aperitivo, – oppure passeggiando per la via davanti ad un’officina puoi rimanere testimone dell’inquietante Gli Stronzi di una Volta – pregna di un gusto sinistro di bruttezza civile – battaglia fra le generazioni – non da poco. Sperimentale, o semplicemente non curante di cercarsi un pubblico, un pò come lo stesso CDr che ha una confezione non convenzionale, attaccato ad un pezzo di cartone con uno stencil dorato come grafica, 50 copie numerate e poche info su un foglietto a quadretti, – la SiLagrima rec è poi una costola della genovese Marsiglia. – Certo l’Assaggiatore di Marmellata è da psicopatici. – Download gratuito, – ‘non state a chiedere niente’.” Paolo Miceli – Komakino



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *